Le Pillole di Personal Winer

Lezione in pillole n°5: l’architettura del bicchiere – il materiale

Benvenuto alle lezioni in pillole di Personal Winer!

Continua il ciclo di lezioni in pillole sull’architettura del bicchiere; in questa lezione parleremo del materiale.

Il materiale

Il materiale è la chiave per un’esperienza del vino superiore. La scelta classica è tra il cristallo e il vetro. Il cristallo è sicuramente preferibile, dal momento che può essere filato estremamente sottile, pur rimanendo forte ed elastico. Una delle ragioni per cui il cristallo è il materiale migliore è che ha una struttura più ruvida del vetro normale, che crea turbolenza nel vino. Con la turbolenza, i composti più aromatici  del vino possono essere rilasciati e il gusto ne risulterà migliorato.

Perché il cristallo senza piombo è preferibile

I bicchieri di cristallo sono disponibili in due diverse varianti: con e senza piombo. Tradizionalmente, tutti i bicchieri di cristallo contenevano piombo, ma da quando l’attenzione verso la salute è aumentata, è sorta un’alternativa: il bicchiere in cristallo senza piombo. Ad essere onesti, dato il breve lasso di tempo in cui il vino rimane nel bicchiere, la presenza di piombo non dovrebbe recare alcun danno.

La differenza tra il cristallo con e senza piombo è che nel secondo caso il piombo è sostituito con l’ossido di bario (BaCO3). Ciò si traduce in una maggiore brillantezza e, poiché l’ossido di bario è più leggero dell’ossido di piombo, il bicchiere risulta più leggero, ma altrettanto durevole.

Continua a seguire le lezioni in pillole di Personal Winer: alla fine ci sarà una bella sorpresa in serbo per te!