bollicine

Lo Champagne fa bene al cervello

Lo Champagne fa bene al cervello e limita i danni di degenerazioni legate alla memoria.

Ecco lo studio della Reading University, Inghilterra.

3 coppe di champagne la settimana: sarebbe questo il segreto per limitare i danni legati a degenerazioni cerebrali legate alla memoria, Alzheimer in primis. Pinot nero e Pinot meunier, secondo studi condotti per il momento su cavie di laboratorio dalla Reading University in Inghilterra, così ricchi di fenoli e antiossidanti naturali, sarebbero in grado di bloccare i radicali liberi nocivi che si formano nell’organismo, proteggendo contro le neurotossine e migliorando la memoria spaziale

Così il professore Jeremy Spencer, responsabile e coordinatore degli studi, che a breve tempo potrebbero essere applicati agli umani: «Questi risultati dimostrano che l’assunzione moderata di Champagne può influenzare in modo positivo le funzioni cognitive. Osservazioni simili sono già state fatte per il vino rosso, perché ricco di flavonoidi. Ma anche lo Champagne, che non ne contiene, è ottimo per il cervello».